#ItaliansDoItBetter – Claudio Ranieri

Newcastle United v Leicester City - Premier League

Allenatore eclettico, singolare, ironico, caparbio e “romano”, ex difensore centrale, ora ha tutta l’Inghilterra ai suoi piedi grazie al miracolo sportivo (come andrà a finire non si sa) con il Leicester…Questa è la storia di Claudio Ranieri.

Il tecnico testaccino inizia la sua avventura da allenatore sulla panchina del Vigor Lamezia, per poi approdare al Cagliari in Serie C1, portando i sardi nel giro di soli 2 anni alla Serie A, raggiunta nella stagione 1989-1990.

Nel 1991-1992 passa alla panchina del Napoli, con cui raggiunge il quarto posto in massima serie, garantendo ai partenopei il ritorno in Champions League, venendo però esonerato il novembre successivo, dopo una brutta sconfitta casalinga contro il Milan.
Dal 1993 al 1997, l’allenatore romano e romanista, allena la Fiorentina, vincendo il campionato di Serie B, una Coppa Italia ed una Supercoppa Italiana, battendo il Milan dei grandi campioni. Però, dopo 4 stagioni piene di successo a Firenze, viene esonerato a causa di un nono posto in campionato non digerito dalla società viola.

Il successivo settembre decide di accettare la proposta del Valencia, con cui in due anni riesce a vincere la Coppa del Re, la coppa nazionale spagnola. Nel 1999 l’avventura spagnola di Ranieri continua con l’avventura all’Atletico Madrid, che però dura molto poco, accettando le dimissioni il marzo successivo a causa di una situazione finanziaria del club molto critica.
Nel settembre del lontano 2000, l’allenatore romano accetta la ricca offerta del Chelsea, allenando i blues per ben 4 anni. A Londra, Ranieri in 4 stagioni, è riuscito a vincere ben 107 match su un totale di 199 tra campionato e Champions League. Nel 2004 il testaccino viene sostituito da Jose Mourinho.

Nel 2004 fa ritorno al Valencia, allenandolo per un solo anno, riuscendo a vincere, però, la Supercoppa Europea.

Dopo ben due anni di inattività, nel 2007 Ranieri riparte dal Parma, allenandolo fino al 2009, raggiungendo sempre la salvezza in maniera tranquilla.
Il 4 giugno del 2007 firma un contratto con la Juventus neo promossa in Serie A, a causa dei celebri scandali sugli arbitraggi. Nella prima stagione a Torino riesce a riportare i bianconeri in Champions League, mentre nella seconda stagione gli andamenti oscillatori in campionato gli aprono la strada all’esonero, avvenuto nel maggio del 2009, a sole due giornate dalla fine del campionato.

Il 2 settembre del 2009, Ranieri realizza il suo sogno, lui romano e romanista allenare la Roma, squadra di cui è tifoso sin da bambino. Nella stagione 2009-2010 Ranieri per solamente due punti non vince in maniera meritata e inaspettata un campionato con i giallorossi… Sarebbe stata l’apoteosi. Ma, nella stagione successiva, la squadra non lo seguiva più e, i risultati in campo scarseggiavano, infatti, viene esonerato nel febbraio del 2011.

Il 22 settembre del 2011 il romano firma un contratto con l’Inter, con la quale però non ottiene ottimi risultati, venendo esonerato nel maggio successivo.
Nello stesso maggio Ranieri firma un contratto triennale con il Monaco che, al tempo, militava in Ligue 2. Il primo anno riesce a vincere il campionato cadetto, riportando la squadra monegasca in prima divisione, il secondo ed ultimo anno, invece, ottiene un secondo posto in Ligue 1, alle spalle dell’imprendibile PSG.

Dal luglio 2014 al novembre 2015 Ranieri prova l’esperienza di Commissario Tecnico sulla panchina della Grecia, non ottenendo però buoni e soddisfacenti risultati.

Il 13 luglio successivo, però, Ranieri firma un contratto con il Leicester City, con l’obiettivo di raggiungere al più presto una salvezza tranquilla, invece la squadra dell’allenatore romano occupa da mesi la prima posizione in Premier League con 5 punti dalla seconda, giocando un calcio spumeggiante, rapido e cinico.

Claudio Ranieri… Un allenatore caparbio, versatile e “romano”.

 

Leave a Reply