#CoppaItalia – Milan-Alessandria 5-0, rossoneri in Finale dopo 13 anni

milan-sampdoria-menez-diffidato

A San Siro ieri sera è andata in scena la Semifinale della Tim Cup tra il Milan e l’Alessandria, che si presenta all’appuntamento alla Scala del calcio partendo dall’ 1 a 0 dell’andata a vantaggio dei rossoneri, e non dimostra alcun timore referenziale di fronte alla big di Serie A. Ed infatti nei primi quindici minuti i ragazzi di mister Gregucci mettono pressione ai rossoneri, che al 2′ sembrano volersi complicare la vita con retropassaggio di De Sciglio che mette in affanno Abbiati, al 3′ con Marras da fuori. Al 7′ Honda si divora una ghiotta occasione, Kucka sfonda in area e crossa, il giapponese calcia alto sulla traversa con il sinistro. Altro brivido per la retroguardia milanista, che manda su tutte le furie Mihajlovic, quando al 9′ Fischnaller viene chiuso all’ultimo da Abbiati, ed un minuto più tardi colpo di testa di Sabato su punizione dalla destra.

Verso il 15′ il Milan si sveglia dal torpore agonistico: al 15′ Menez, su tacco di Honda, impegna seriamente Vannucchi che si oppone in maniera efficace. Al 20′ la svolta: Honda verticalizza per il francese che controlla con il petto e di destro batte Vannucchi.

Passano 4 minuti appena ed il Milan raddoppia: Romagnoli brucia tutti sfruttando un calcio d’angolo e la spizzata di Kucka. La partita dunque per il Milan è in discesa, per questo la gestione della palla è di fatto a senso unico, l’Alessandria sembra aver subito il colpo. Anzi al 39′ subisce la terza rete, doppietta di Menez: Honda si accorge dell’inserimento in area di Poli che mette in mezzo per Menez e palla in rete.

Nella ripresa entra Mauri al posto di Kucka: il Milan è in controllo, mentre l’Alessandria cerca di alzare il proprio baricentro. Al 58′ secondo cambio per i rossoneri, Boateng prende il posto di Bonaventura.

Al 62′ i grigi cercano di riaprire il match, ma il colpo di testa di Fishnaller esce fuori di poco. L’Alessandria effettua il suo primo cambio, e manda in campo Marconi al posto di Iocolano. Al 71′ Alessandria vicinissimo a segnare il goal della bandiera, ad abbiati battuto su tocco di Celiak interviene De Sciglio e spazza sulla linea. Esce Menez ed entra Bacca.

All’80’ il Milan fa quaterna, ancora con Alessio Romagnoli, appostato sempre sul secondo palo come nel primo tempo, ed all’89’ arriva finalmente anche il goal di Balotelli: assist in verticale di  Josè Mauri per Balotelli, che davanti a Vannucchi non sbaglia la rete della manita rossonera.

Finisce così la favola dell’Alessandria, che nonostante tutto esce a testa alta da San Siro.

Leave a Reply