Hellas Verona-Inter 3-3, pareggio da infarto al Bentegodi: report e pagelle

Chievo Verona vs Inter - Serie A 2015 2016

Partita bellissima e senza un attimo di pausa al Bentegodi: l’Inter passa in vantaggio con Murillo, l’Hellas Verona risponde con Helander e Pisano, allunga con Ionita e si fa recuperare dai gol di Icardi e Perisic. I nerazzurri tornano a -1 dalla Fiorentina e dal terzo posto, mentre la squadra di Del Neri offre un’altra ottima prestazione dopo la prima vittoria stagionale contro l’Atalanta.

La cronaca:

L’Inter parte subito con un atteggiamento agressivo e spinge già dai primi minuti. Al 7′ prima occasione per i nerazzurri: triangolo tra Icardi e Palacio, con quest’ultimo che spara sul portiere e sulla ribattuta Brozovic calcia alto. Solo un minuto dopo la squadra di Mancini passa in vantaggio: su calcio d’angolo di Palacio, Murillo svetta più in alto di tutti, batte Gollini e porta l’Inter sul risultato di 1-0. Il vantaggio dura poco più di 5 minuti: al 13′ infatti Helander stacca su calcio d’angolo e in mezzo a tre difensori riesce a trafiggere Handanovic e a riportare l’Hellas in parità. Al 16′ la squadra di Del Neri ribalta il risultato ancora su un calcio da fermo: Marrone batte un calcio di punizone della trequarti, Pisano anticipa i difensori nerazzurri e insacca il pallone di testa. Al 21′ Brozovic manda di poco a lato dopo una grande conlusione al volo dal limite dell’area. L’Inter soffre sulle corsie le incursioni di Wszolek e Fares, Handanovic è bravo ad allontanare il pallone con i pugni. Al 39′ Icardi riceve da Brozovic, ma trova la parata di Gollini sulla conclusione da ottima posizione.

Nell’interevallo Mancini sostituisce Melo con Perisic e l’Inter entra in campo con un piglio totalmente diverso: al 52′ si rende pericolosa con Palacio e al 56′ con Kondogbia, che ci prova dalla distanza trovando Gollini pronto. Al 58′ l’Hellas allunga ancora le distanze e lo fa ancora su un calcio piazzato: Ionita prende il tempo ai difensori dell’Inter e insacca il 3-1. Non c’è un attimo di pausa a Verona e dopo soli 4′ Icardi firma il 3-2 su assit di Perisic. Adesso l’Inter ci crede e al 67′, dopo un flipper in area di rigore, Palacio trova l’intervento decisivo di Gollini. Al 76′ Juanito spreca la palla del 4-2 mandando alto sopra la traversa. Il calcio è un gioco spietato e fa valere un’altra volta la legge del ‘gol sbagliato, gol subito': al 78′ Palacio scende bene sulla destra e crossa al centro per Perisic che calcia di prima intenzione trovando la rete del 3-3. Finale da infarto: all’84’ Gollini devia in angolo una conclusione di Eder, al 86′ Gilberto colpisce il palo da posizione defilata, un minuto dopo Romulo prova un pallonetto che finisce alto di poco. L’ultima occasione è sulla testa di Icardi che manda il pallone fuori di pochi centimetri.

L’Inter torna a Milano con un punto e mette in evidenza ancora una volta i problemi difensivi e in particolare quelli sui calci piazziati. Si sente la mancanza di Miranda (squalificato) e i problemi in mezzo al campo sono sempre i soliti. L’Hellas di Del Neri dimostra di poter ancora lottare per una corsa alla salvezza comunque complicata, ma i veronesi sono ancora vivi e grintosi.

 Le pagelle:

HELLAS VERONA(4-4-2): Gollini 5; Pisano 6, Moras 5, Helander 6, Albertazzi 5,5; Wszolek 6 (81′ Romulo), Marrone 6,5, Ionita 6,5, Fares 6 (61′ Gilberto); Toni 5 (69′ Juanito Gomez), Pazzini 5,5. Allenatore: Luigi Delneri 6

INTER(4-3-3): Handanovic 5; Nagatomo 5, Murillo 6, Jesus 5, Telles 5.5 (83′ Biabiany); Brozovic 4,5, Felipe Melo 4 (46′ Perisic 6,5), Kondogbia 6; Eder 5.5 ( 89’ Ljajic) Icardi 6,5, Palacio 7. Allenatore: Roberto Mancini 5

Leave a Reply