Juventus-Atalanta: Super Dybala, nerazzurri K.O.

Dybala

La Juventus torna alla vittoria, battendo per 2-0 l’Atalanta. L’attacco bianconero, dopo due partite a secco, ritrova vitalità grazie all’inserimento di Dybala dal primo minuto. Proprio l’uomo più “chiaccherato” della vigilia decide il match grazie ad un goal ed un assist per Mandzukic (al primo gol in Serie A). I bianconeri spingono sull’acceleratore sin dai primi minuti: gia al 4′ Bonucci impegna Sportiello con un colpo di testa su cui il portiere è bravo ad intervenire in due tempi. Il tema tattico è chiaro: La Juve attacca, l’Atalanta aspetta e cerca di colpire in contropiede grazie alla rapidità dei suoi esterni, Moralez e D’Alessandro. Il momento migliore per gli uomini di Reja è a metà del primo tempo, in cui riescono a pressare efficacemente le fonti di gioco bianconere costringendoli a “saltare” il centrocampo con lanci lunghi ben controllati da Paletta e Toloi. Serve un lampo per accendere la partita ed ecco che Dybala pesca il jolly con una violenta conclusione dai 25 metri che batte Sportiello al 29′ minuto. Gli uomini di Allegri, dopo il vantaggio, controllano la partita rallentando il ritmo e cercando il momento giusto per raddoppiare. Prima della fine del primo tempo serve un miracolo del portiere nerazzurro per tenere in partita i suoi sul tiro ravvicinato dell’attaccante argentino. Il raddoppio è rimandato alla seconda frazione: al 4′ della ripresa splendida combinazione Pohgba-Dybala (liberato da un colpo di tacco del francese) con l’argentino che riesce a servire Mandzukic sul primo palo. L’attaccante croato non può sbagliare e trova così il suo primo goal in Serie A, nonostante una prestazione un po’ opaca. Il doppio vantaggio chiude la partita, anche in virtù di un atteggiamento fin troppo rinunciatario dell’Atalanta, preoccupati più dalla fase difensiva. Lo show della “Joya” argentina continua: prima impegna Sportiello dopo un bell’assist di Pogba, poi va vicino al raddoppio su punizione. Infine si guadagna il rigore del possibile 3-0: Paletta lo stende in area. Dal dischetto Pogba si fa ipnotizzare dal portiere avversario, macchiando così la sua miglior prestazione stagionale. La partita si trascina fino al novantesimo senza ulteriori emozioni (ad esclusione del rosso mostrato a Toloi al 70′ per doppia ammonizione). La Juventus conquista i tre punti e tiene la porta inviolata per la terza volta in una settimana. Ma soprattutto scopre di non poter fare a meno di un Dybala formato Tevez.

I MIGLIORI

Dybala voto  7,5: era l’uomo più atteso e non ha tradito le aspettative. Trova il quarto gol stagionale ma, soprattutto, guida la squadra con una prestazione da leader navigato. Il talento c’è sempre stato, se la personalità resta questa può riportare la Juve in alto.

Sportiello voto 7: tiene in partita la sua squadra grazie alle sue parate. Il rigore parato coronoa un’ottima prestazione del giovane portiere.

Pogba voto 6,5: d’accordo, il rigore sbagliato conferma che di strada da fare ce n’è parecchia. Tuttavia si sono rivisti sprazzi di “vero” Pogba, con giocate di classe e intensità. Che sia dietro le punte il suo vero ruolo?

I PEGGIORI

Toloi e Paletta voto 5: prova insufficiente dei due centrali nerazzurri. Il primo viene espulso al settantesimo, il secondo causa il rigore del possibile 3-0. Giornata no.

Padoin voto 5: il peggiore dei suoi. Gli unici pericoli creati dall’Atalanta provengono dal suo lato, poco presente in appoggio alla fase offensiva.

Leave a Reply