#EuropaLeague: ridono Lazio e Napoli, cade ancora la Fiorentina

Europa-League

La serata di Europa League ha portato all’Italia 2 vittorie ed 1 sconfitta. Andiamo ad analizzare il match delle nostre squadre:

LAZIO  3-1  ROSENBORG 

Grande risposta della Lazio, che seppur in dieci per tutta la gara, s’impone contro un buon Rosenborg che paga le disattenzioni difensive, che una squadra esperta come la Lazio capitalizza. Termina 3-1 all’Olimpico.

La gara per i biancocelesti inizia malissimo con Mauricio, che molti giornali davano in panchina, che viene espulso dopo 6′ per un fallo da ultimo uomo. I norvegesi allora cercano di far valere l’uomo in più e vanno vicini al gol del vantaggio con Bjordal che di testa mette i brividi. La Lazio però alla prima chances passa: palla fantastica in profondità di Candreva, Matri davanti ad Hansen non sbaglia. La reazione dei campioni di Norvegia c’è e due minuti dopo Skjelvik in area colpisce il palo. Ad inizio ripresa la Lazio raddoppia: Matri crossa in area per Anderson che di prima trova l’angolino ed infila Hansen. Al 68′ Soderlund sovrasta di testa Gentiletti e accorcia meritatamente le distanze. La Lazio sembra non esserci più e i norvegesi spingono sulle ali dell’entusiasmo, subendo però una ripartenza mortifera della Lazio che con Radu conquistano un rigore dubbio. Candreva dal dischetto si fa ipnotizzare ma sulla ribattuta Hansen non può nulla. All’ultimo minuto c’è gloria anche per Berisha che para un rigore a Soderlund.

 

FIORENTINA  1-2  LECH POZNAN

Pesante sconfitta per la Fiorentina, seconda interna in questo cammino in Europa League con molti bassi e pochi alti. La gara è dominata, ma con poche occasioni. Ne approfittano i polacchi che in patria sono ultimi in classifica e ora credono nel passaggio del turno. Il risultato dice 1-2 per il Lech.

Partita noiosissima nel primo tempo con la Fiorentina che ha in mano l’iniziativa ma non riesce mai a sfondare il muro polacco, che gestisce con grande ordine. Nella ripresa la Fiorentina spinge con più convinzione e più voglia. Babacar al 59′ scambia al limite con Rossi e poi scarica in porta ma Buric respinge. Il Lech Poznan che fino a quel momento non si era mai fatto vivo passa al 64′ con il piazzato di Kownacki, su assist perfetto di Lovrencsics. La Viola continua a dominare ma all’83′ Gajos punisce nuovamente su una dormita generale della difesa. Rossi al 90′ prova a crederci, ma l’assalto finale non porta a nulla.

 

MIDTJYLLAND  1-4  NAPOLI

Uno straripante Napoli, dà continuità all’ottima prestazione in campionato, anche in Europa League, dove domina e vince in casa del Midtjylland. Finisce 1-4, con uno splendido primo tempo dove il Napoli ha crea sette-otto occasioni clamorose, dimostrando il netto divario tecnico.

Inizio aggressivo dei padroni di casa, supportata alla grande dal pubblico che si fa sentire tantissimo. Sviatchenko porterebbe addirittura in vantaggio il Midtjylland ma compie fallo e perciò è tutto annullato. Passata la sfuriata il Napoli trova il gol: lancio lungo dalla difesa di Koulibaly, la difesa danese dorme e Callejon s’inventa un gol stupendo in semi sforbiciata. Il Midtjylland perde sicurezze e Gabbiadini, grazie al cross perfetto di Allan, raddoppia in spaccata. E’ la serata di Gabbiadini che al 41′ trova una perla con un sinistro a giro dal limite, palo-gol. I danesi hanno il merito di non mollare e al 43′ cercano di riaprire l’incontro con una deviazione sottoporta di Pusic. Il Napoli però è straripante e dopo un minuto colpisce la traversa con Callejon. Nella ripresa calano i ritmi, il Napoli controlla e gestisce le energie. Nell’ultimo minuto di gioco Higuain, da poco entrato dopo un triangolo con El Kaddouri, trova il giusto diagonale per il definitivo 1-4.

 

Leave a Reply