Pro Vercelli-Virtus Lanciano, le probabili formazioni

pro-vercelli-lanciano

Ancora alcuni dubbi di formazione per Pro Vercelli e Virtus Lanciano in vista della sfida che li vedrà di fronte oggi alle ore 15:00 allo Stadio Silvio Piola di Vercelli. Gli eusebiani avranno il compito di conquistare i primi tre punti in casa, senza deludere il proprio pubblico, contro una Virtus Lanciano che sicuramente non starà all’angolo ad attendere i piemontesi, ma cercherà di creare gioco e di mettere in difficoltà gli avversari con un assetto tattico propositivo e votato all’attacco. Schierando due moduli speculari, il pareggio potrebbe essere il risultato finale che permetterebbe ad entrambe le compagini di uscire indenne da una sfida che sa di sfida per un posto a metà classifica.

Il mister Scazzola avendo dalla sua parte il fattore campo, proporrà un 4-3-3 d’attacco, puntando su Nocchi tra i pali e Berra, Bani, Legati e il capitano Scaglia a formare la linea di difesa. A centrocampo Ardizzone e Castiglia supporteranno il neo arrivato Fausto Rossi che avrà il compito di impostare le manovre offensive dei 7 volte campioni italiani. Il tridente d’attacco sarà composto da Marchi e Di Roberto, con uno tra Mustacchio e Massimiliano Gatto a contendersi una maglia da titolare.

Il tecnico della Virtus Lanciano, Roberto D’Aversa, schiererà un modulo speculare all’avversario, cercando di impensierire la difesa avversaria con delle ripartenze che potrebbero far male alla difesa dei biancocrociati. In porta, confermato aridità, mentre a completare la difesa ci saranno Pucino, Aquilanti, Amenta e il capitano Mammarella, all’ottava stagione consecutiva con la Virtus. In mediana, spazio a Bacinovic, Ze Eduardo arrivato dal Parma ed il confermato De Cecco. In avanti, Nicola Ferrari sostituirà l’infortunato Marilungo nel ruolo di centravanti, con Di Francesco e Eric Lanini come esterni d’attacco.

L’arbitro della gara sarà Antonio rapuano della sezione di Rimini, mentre gli assistenti e il quarto uomo saranno rispettivamente, Marco Zappatore, Alfonso D’Apice e Marco Serra.

Leave a Reply