Tanti auguri Presidente Moratti

Moratti non è pessimista sul futuro dell'Inter

Settanta candeline da spegnere, magari dopo una vittoria contro la tanto odiata Juventus. Massimo Moratti non passerà un compleanno normale, ma di compleanni normali ne ha vissuti ben pochi. perché lui è il figlio del presidente Angelo, che ha fatto la storia dell’Inter, ma è soprattutto il presidente del Triplete, unico italiano (per ora). Da numero uno in nerazzurro ha vinto tutto quello che si puo vincere, e lo ha fatto anche grazie all’istinto del presidente-tifoso che tanto piace ai supporters, e poco ispira agli economisti. E Moratti di soldi nell’Inter ne ha messi parecchi. Troppi, forse. Qualche acquisto sbagliato, qualche cessione non fatta, e i primi muugni si sono fatti sentire. Ci sono quasi sempre stati, perché a una parte della Curva Moratti non è mai piaciuto fino in fondo. Difficile dar loro ragione, perché un presidente del genere fai fatica a trovarlo ora, ma anche prima della crisi era una bellissima eccezione. Perché Moratti non ha mai badato a spese per cercare di rendere il suo giocattolo vincente, e nel 2010 è riuscito a farcela. Stagione perfetta, con un allenatore perfetto, tutti i giocatori in forma e pronti a sudare e sputare sangue per la maglia nerazurra. Da veri interisti. Come Moratti, che da interista vero ha deciso di vendere. Perche? Troppi soldi spesi? Troppe pressioni? O forse Thohir era veramente il futuro dell’Inter per l’idea che ha in testa. Sviluppo del marchio, stabilita dei conti, appeal internazionale. Belle parole, ma in un anno e mezzo di fatti se ne sono visti ben pochi. Ma non c’è fretta, Massimo Moratti ha pazientato a lungo prima di vincere. Un consiglio a Thohir: prenda esempio dal suo predecessore, impegnandosi a fondo in ciò che crede. Perché alla fine il calcio sa ripagare, e l’Inter ne sa qualcosa. Soprattutto grazie a Massimo Moratti. Tanti auguri, Presidente.

Leave a Reply