Parma Napoli 2-2, ennesima occasione sprecata dai partenopei

Non basta al Napoli il settimo gol in campionato di Gabbiadini per battre il Parma. Zona Champions resta distante

Il Napoli non riesce nell’… “impresa” di battere il Parma e al Tardini finsice 2-2. Quella che si pensava alla vigilia potesse essere una semplice passeggiata di saluto degli uomini di Benitez si è tramutata nell’ennesima, assurda, inaspettata trappola di questo campionato. Un pareggio, ottenuto in rimonta, che sa di sconfitta, perché gli azzurri si avvicinano solo di un punto alla Lazio e alla Roma, adesso distanti 3 e 4 punti, ma con i biancocelesti tra pochi minuti in campo e con il quasi match point per la qualificazione in Champions League. Champions che invece si allontana sempre più per il club di De Laurentis, che adesso, al di là di un miracolo sportivo (sempre possibile, specie col calendario delle ultime giornate di Roma e Lazio, ma col Napoli che deve passare da Torino per fare visita alla Juventus), può solo sperare nella vittoria dell’Europa League per raggiungere verosimilmente la massima competizione europea il prossimo anno.

Hamsik nella morsa di Cassani e Jorquera

Hamsik nella morsa di Cassani e Jorquera

Benitez fa capire chiaramente che pensa all’Europa e che ha intenzione di far rifiatare i suoi pezzi da 90 (Higuain, Insigne e Callejon) tenendoli all’avvio in panchina, mandando in campo dal primo minuto Zapata, Mertens e Gabbiadini. L’avvio del Napoli è da paura, squadra svogliata, senza grinta, quasi sopraffatta dal Parma dell’ex Donadoni. Emiliani che così approfittano dell’iniziale apatia dei partenopei e, complice la prima vera papera di Andujar da quando è titolare, si portano in vantaggio al 9′ col napoletano Palladino (a secco in campionato da 5 mesi), che sfrutta l’uscita incerta del portiere argentino e fa 1-0. Il Napoli sembra come risvegliarsi dal sonno e, paradossalmente, la rete subita fa bene alla squadra di Benitez, che inizia a corricchiare nel campo con più convinzione, anche se senza mai rendersi veramente pericolosa dalla parte di Mirante. Ma alla prima vera occasione, al 28′, gli azzurri trovano il pareggio: azione di Hamsik sulla trequarti, assist a Gabbiadini che, solo davanti all’estremo difensore dei ducali, fa centro (il suo settimo stagionale col Napoli, il decimo con la maglia azzurra). Partita rimessa a posto? Manco a pensarlo: sei minuti e al 34′ una punizione di Jorquera sorprende ancora un colpevole Andujar e Parma di nuovo in vantaggio. Il tecnico spagnolo è sorpreso, il Napoli è confuso; si arriva così stancamente al primo tempo.

Nella ripresa però il piglio dei calciatori partenopei è completamente diverso e la carica arriva anche da Benitez, che toglie Gargano e Zapata, mai pericoloso, per inserire Callejon e Higuain. La manovra si fa veloce e pericolosa, le occasioni fioccano, Mirante alza una saracinesca dicendo più volte no ad Hamsik, Higuain, Gabbiadini e Mertens, ma alla fine, al 72′, a causa anche di un errore di posizionamento di Cassani, deve cedere al tiro da distanza ravvicinata del belga, che firma quarto gol in campionato (il secondo in questa stagione al Parma) e fissa il risultato sul 2-2. A quel punto manca praticamente mezzora e gli azzurri iniziano un forcing spietato nella trequarti degli emiliani. I ragazzi di Donadoni, stanchi e impauriti, arretrano il baricentro e rischiano sempre più il sorpasso azzurro, ma quando le punte del Napoli trovano il guizzo giusto, c’è sempre Mirante a dire no (il migliore in campo, rispetto al collega Andujar, peggiore invece al Tardini). E nei quattro minuti di recupero è addirittura il Parma a sfiorare il colpaccio in contropiede.

La partita si chiude 2-2, per il Parma l’ennesima dimostrazione di come sarebbe potuta essere la stagione senza i noti problemi societari, per il Napoli l’ennesima occasione sfumata, forse quella decisiva, ma resta la consolazione di potersi giocare giovedì sera, a Dnipro, le chance per arrivare in finale di Europa League.

Il tabellino Parma Napoli:

PARMA (4-5-1): Mirante; Cassani (dal 73′ Costa), Mendes, Feddal, Gobbi; Lila, Jorquera (dal 71′ Mariga), Mauri (dal 79′ Ghezzal), Nocerino, Varela; Palladino. All. Donadoni

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Henrique, Albiol, Koulibaly, Strinic; Inler (dal 75′ David Lòpez), Gargano (dal 57′ Higuain); Gabbiadini, Hamsik, Mertens; Duvan (dal 52′ Callejòn). All. Benitez

Marcatori: 9’ Palladino, 28’ Gabbiadini, 34’ Jorquera, 72’ Mertens

Ammoniti: 22’ Mendes, 53’ Lila, 82’ Albiol

Leave a Reply