Champions League, super-Messi stende il Bayern: 3-0

Messi

“Adesso Guardiola sa cosa si prova ad avere contro uno come Messi“: questo il ritornello che gira da ieri sera, dopo che che la Pulce in forma strepitosa ha stupito ancora il mondo con una doppietta al Bayern Monaco. E che gol, poi. Il primo è una staffilata da 20 metri che si infila sul primo palo, l’altro uno slalom vertiginoso concluso con un pallonetto (di destro!) sul portiere in uscita. Lo strepitoso Neuer deve inchinarsi, mentre Boateng addirittura finisce a terra ubriacato dalle finte del genio argentino. Che ora sale a quota-77 gol europei superando Cristiano Ronaldo.

E dire che il Bayern, fino al primo squillo di Messi (78′), non solo aveva retto bene il campo ma addirittura ha a tratti anche guidato il gioco. Nessun altro è riuscito quest’anno a fare qualcosa di simile al Camp Nou. Il bello è che ai tedeschi mancavano pezzi da novanta come Alaba, Robben e Ribery. Guardiola ha organizzato la squadra con lo scopo di contenere i prevedibili assalti del Barça e di provare a colpire con il fraseggio e le invenzioni di Muller. Una strategia che funziona anche se le qualità immense degli attaccanti blaugrana costringono la difesa agli straordinari. Poi, com’è successo anche l’anno scorso contro il Real Madrid, a sbloccare tutto è la giocata del campione: allora era Ronaldo, ora è Messi. Un terribile uno-due che schianta il morale del Bayern costringendolo nel finale a un’amnesia che porta al tris di Neymar. E che forse ha già deciso la semifinale più attesa di questa Champions League.

Leave a Reply