Juventus-Real Madrid 2-1: allo Stadium Morata e Tevez fanno sognare i bianconeri

Juventus Real Madrid

E’ una notte magica quella che è appena passata per la Juventus di Massimiliano Allegri, è una notte che difficilmente i tifosi bianconeri potranno dimenticare, è una notte che potrebbe valere moltissimo in virtù del ritorno, è una notte che ha reso la finale non più un sogno ma una possibilità molto concreta. Allo Juventus Stadium Morata e Tevez fanno ballare la difesa del Real Madrid e la bucano per ben due volte e riescono a portare a casa la vittoria, nonostante il gol del momentaneo pareggio di Cristiano Ronaldo.

A Torino, la Juventus batte il Real Madrid per 2 a 1, dimostrando come oramai la distanza con i top club mondiali non sia poi così lontana. Gli “alieni” di Ancelotti, infatti, non hanno mai dato l’impressione di essere di un’altra categoria, anzi, i bianconeri, guidati da un Vidal strepitoso, hanno mostrato grande autorevolezza e gestione della partita contro una squadra che l’anno scorso ha vinto la decima Champions League della sua storia. E’ vero, le assenze di Karim Benzema e Modric non possono passare inosservate e, certamente, Bale fuori ruolo e Sergio Ramos adattato a centrocampo non hanno dato i risultati sperati, ma anche alla Juventus mancava un certo Paul Pogba. Tanta individualità nel Real Madrid, ma è una squadra abbordabile per la Juventus e battibile. Grandi meriti vanno, ancora una volta, a Max Allegri, che azzecca la formazione, inserendo un improbabile Sturaro titolare e un Vidal trequartista, a svariare e fare su e giù tra attacco e difesa. Ancelotti, invece, lascia Mister 48 milioni di euro Illaramendi in panchina, preferendogli Sergio Ramos a centrocampo, ma il risultato, a dire il vero, non è dei migliori.

Parte forte la Juventus e il Real Madrid, quasi sorpreso, attende e subisce troppo: all’8′ minuto, infatti, arriva il gol di Alvaro Morata, che non festeggia per rispetto ai suoi ex (o forse no?) tifosi. I galacticos provano a reagire e crescono, fin quando al 27′ minuto, il solito bomber CR7, trova la via del gol e mette di nuovo il risultato in equilibrio. A questo punto, il copione, per molti, pare già scritto, ma la Juventus non si è lasciata andare, anzi, è riuscita a mantenere un certo livello di gioco e nel secondo tempo i bianconeri sembrano avere una marcia in più e al 58′ minuto Carlitos Tevez parte in contropiede, mette in crisi la difesa avversaria con la sua velocità e si procura un calcio di rigore grazie ad un ingenuo Carvajal. Rigore procurato, rigore trasformato. Tevez regala la vittoria ai suoi. Adesso tutti al Bernabeu!

Leave a Reply