Europa League: Napoli-Dnipro, i precedenti sono in parità

L'esultanza di Cavani dopo il suo poker nell'ultima precedente tra Napoli e Dnipro

Domani sera, giovedì 7 maggio, è il giorno delle semifinali di andata di Europa League. E’ il giorno di Napoli-Dnipro. Le due squadre si affrontano per la terza volta nella loro storia, nel giro di tre anni, dopo lo scontro nella fase a gironi della stagione europea del 2012. Chi vince nel doppio confronto volerà direttamente a Varsavia, per la finalissima del 27 maggio, sfidando la vincente di Fiorentina-Siviglia. Finale a cui gli azzurri mancano dalla stagione 88/89, quando batterono lo Stoccarda vincendo il trofeo. Per gli ucraini è la prima semifinale europea della storia.

I PRECEDENTINapoli e Dnipro si sono affrontate soltanto due volte nella storia, una sola al San Paolo, in occasione della gara dell’8 novembre 2012, quando gli azzurri si imposero per 4-2 grazie al poker di Cavani e centrarono l’obiettivo qualificazione nel girone grazie al secondo posto conquistato proprio alle spalle degli ucraini. In precedenza, a Dnipro, la partita finì 3-1 per i padroni di casa, con l’unica rete partenopea su rigore di Cavani a fine gara.

LE STATISTICHE - Il Napoli, prima di affrontare il Dnipro, non aveva mai incontrato sul suo cammino una squadra ucraina. Il Dnipro, invece, ha finora giovato otto partite europee con squadre italiane, vincendo una sola volta e pareggiando una sola volta, mentre ha perso le restanti sei occasioni. Gli ucraini hanno sempre perso quando hanno giocato in Italia (4 volte) e hanno perso le ultime cinque partite giocate contro squadre italiane (le ultime due volte in questa Europa League contro l’Inter nella fase a gironi). Il Napoli non perde da 12 partite europee in casa (9 vittorie e 3 pareggi), l’ultimo ko risale proprio alla stagione 2012/13 di Europa League, quando gli azzurri subirono l’umiliante sconfitta (la più pesante in Europa nella storia partenopea) al San Paolo per 3-0 dal Viktoria Plzen. In questa stagione il Dnipro ha eliminato Olympiacos, Ajax e Brugge, tutte squadre date per favorite alla vigilia, come lo è oggi il Napoli, che invece ha estromesso dalla competizione Trabzonspor, Dinamo Mosca e Wolfsburg, in un crescendo di difficoltà.

LE CURIOSITA’ - Il maggior talento del Dnipro è Yevhen Konoplyanka, 25enne ala mancina ucraina, ma il capocannoniere della squadra è Kalinic. Gli ucraini sono la squadra che ha commesso più falli e ha ricevuto più ammonizioni in questa edizione dell’Europa League, mentre il Napoli è la squadra che ha calciato di più in porta (88 volte), che ha colpito più pali e traverse (9 volte) e che ha segnato di più (25 gol), con Higuain terzo marcatore stagionale con 7 reti, alle spalle della coppia Lukaku-Allan a 8 (entrambi però già eliminati). L’unico ex della partita è Ivan Strinic, che però non è convocabile da Benitez perché non inserito nella lista Uefa dal tecnico spagnolo.

Le probabili formazioni Napoli-Dnipro:

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; Inler, Lopez; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain. All. Benitez

Dnipro (4-1-4-1): Boyko; Ksonz, Cheberyachko, Douglas, Vlad; Fedorchuk; Gama, Bezus, Shakhov, Rotan; Kalinic. All. Markevic

Leave a Reply