Inter senza pausa, in campo a Pasqua e Pasquetta

Roberto Mancini Inter

Il bruttissimo pareggio di San Siro contro il Parma ha convinto Mancini che il tempo dello stile british è finito in casa Inter. Il primo esempio di ciò è l’allenamento punitivo di domenica, giorno di Pasqua. Cinquanta minuti di allenamento, svolti dopo un discorso alla squadra volto a caricare il gruppo, a cui mancano nove partite da giocare senza un reale obiettivo, poiché l’Europa è lontanissima. Di queste nove partite, quattro sono contro grandi squadre quali Milan, Roma, Lazio e Juventus, tutte squadre che lottano per un obiettivo. Già, anche il Milan, massacrato dalla stampa, che, a più tre sull’Inter, può ancora sperare nella zona europea a fine stagione.

Sì è replicato pure a Pasquetta, anche perché sabato sera i nerazzurri sfideranno al Bentegodi il Verona di Toni e Mandorlini, che un girone fa “fece fuori” Mazzarri. In questo senso Mancini è al sicuro, anche perché Thohir lo considera il vero top player della sua Inter. Che ora deve ritrovarsi, facendo gruppo e cercando di diventare grande.

Leave a Reply